Restyling di una parete - prima parte

DIY= Do It Yourself, ossia  fallo da te. Sulla scia degli innumerevoli blog americani che seguo ho deciso di inaugurare questa sezione del blog, dando i miei spunti per poter realizzare qualcosa da voi.

La scorsa primavera ho deciso di rivoluzionare il colore della cucina e della zona living che fino a quel periodo erano di una giallo ocra acceso…Ho passato giorni a studiare i colori giusti, già perché nel frattempo la mia mania di casa colorata (ogni stanza un colore acceso diverso) mi era passata e al suo posto si era imposta l’idea del colore-non colore. E quindi tutte le tonalità dei bianchi, dei grigi, dei tortora…
Piccolo problema: i miei mobili e tutte le decorazioni delle pareti a quel punto non ci azzeccavano proprio nulla, quindi ho iniziato un lento restyling “chilometri 0” di tutti gli ambienti di casa…

Ho iniziato con staccare le mensole, che prima avevo colorato di bianco panna con un effetto decapato dorato…In teoria avrei voluto trovare una credenza in qualche mercatino da risistemare a mio piacimento…ma non ho trovato nulla, anche perché lo spazio a mia disposizione era abbastanza limitato…e quindi mi sono fatta la mia finta parete-credenza.
L'idea originale era di avere una vecchia credenza da risistemare, quindi ho disegnato in scala 1:1 con un programma vettoriale la sagoma di una credenza "antica". Poi è arrivato il bello, stamparla nelle dimensioni reali facendo un patchwork di tutti le stampe formato A4 che la mia stampante ha prodotto, per riadattarla al disegno originale.
Una volta assemblato il tutto dovevo trovare un modo per riportare il disegno sulla parete…Ho provato con il metodo dello spolvero alla maniera degli affreschi di una volta ma l’ho bocciato quasi subito, mettermi a forare tutti i contorni per poi passarci sopra la polvere colorata era un’operazione troppo lunga! Così ho ritagliato i bordi esterni del "disegno patchwork" della credenza e l’ho posizionata  nel punto esatto del muro dove volevo disegnarla. Poi con la matita ho tracciato sul muro i bordi della mia credenza, i dettagli interni li ho ricavati disegnandoli prima su carta da lucido, poi li ho ritagliati a misura e con lo stesso procedimento di prima li ho riportati sulla parete. Ho colorato con una tonalità di grigio più scura di quella della parte mettendo lo scotch carta per non uscire dai bordi e alla fine ho creato le ombre con un nero molto annacquato. Et voilà la mia credenza è fatta!

Nella seconda parte la spiegazione della mensola che è diventata il piano di appoggio della mia credenza...


0 commenti:

Posta un commento

 

Welcome

La mia foto
Prendi una donna mediamente nostalgica, uniscila ad un uomo esuberante, condisci con un gatto viziato, mescola tutto in un paesello della provincia del torinese, Volpiano, ecco creato il “Clan delle Volpi”… La donna nostalgica sono io, Alessandra, e questo è il mio blog personale, dove prendo ispirazione, motivazione e dove condivido i miei esperimenti creativi. Sono felice di conoscerti e della tua visita e se mi lascerai un commento mi farai contenta!

Translate

Popular Posts

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. I contenuti dei post sono il frutto della libera manifestazione del mio pensiero, mentre quanto scritto nei commenti è di responsabilità dei rispettivi autori. Le fotografie e le immagini pubblicate sono di proprietà dell'autore o tratte da internet e valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse i diritti d’autore, si prega di contattarmi affinché provveda a rimuoverle.

Visualizzazioni totali