Pensierino per un battesimo e progetti autunnali

Con il battesimo di domenica scorsa si è finalmente chiusa la nostra stagione dei matrimoni/battesimi/cresime/comunioni (cari amici e parenti che leggete non ne abbiate a male ma sono felice di poter finalmente mettere da parte qualcosina per togliermi  qualche sfizio...).
Pubblico quindi la foto di un piccolo quadretto con soggetto angioletto eseguito a tecnica stitchery, che abbiamo allegato al bigliettino ed al regalo "vero" per il battesimo del piccolo Francesco. La cornice la riconoscete? E' l'intramontabile Nyttja by Ikea opportunamente riconvertita in stile shabby.

Tra il nuovo lavoro a tempo pieno con scazzi e patemi connessi (che devo confessarvi mi sta abbastanza mettendo in crisi) devo però aggiornarvi sui miei buoni propositi autunnali.
1. Imparare a "schermarmi" dalle energie negative e da chi mi vuole male, come mi ha raccomandato la mia cara omeopata (per cui siore e siori ogni consiglio utile in tal senso è più che ben accetto).
2. Realizzare e spedire il mio contributo per le Bai Jia Bei delle care Nina di  http://ninacerca.blogspot.it ed Emme di http://pitipumpala.blogspot.it/
3. Avviare il progetto per la mia personale Bai Jia Bei. Ebbene sì, mi sono decisa anche io, ma prima di tutto occorre una doverosa premessa per chi non sapesse di cosa sto parlando.
"Narra la leggenda che l'ultima imperatrice della dinastia Qing, che era l'unica tra le concubine che aveva dato un erede all'imperatore, costretta ad abbandonare il suo bambino, per proteggerlo da ogni insidia pensò di chiedere a cento famiglie tra quelle più in vista dell'Impero di offrire ciascuna un pezzo della seta più bella, con cui confezionò un lungo abito per suo figlio, cosicchè il principino fu simbolicamente rivestito di nobiltà e fortezza e degli auspici dei maggiorenti dell'Impero".
Così  in Cina è nata la tradizione del Bai Jia Bei, allo scopo di attirare sul bambino tutte le forze. Questa usanza oggi è diventata una coperta patchwork realizzata cucendo insieme cento riquadri di stoffe diverse, in modo da dare il benvenuto ai bambini nelle famiglie di tutto il mondo, soprattutto a quelli adottati, trascendendo limiti di spazio e tempo. Come Nina ed Emme insegnano, oltre ai bambini adottati ci sono però altri bambini che tanto si aspettano e che magari arrivano con metodi alternativi... Vi chiedo quindi di partecipare alla mia copertina, inviandomi i vostri pensieri positivi affinchè il mio sogno si possa finalmente avverare.
Ecco quindi le istruzioni per la realizzazione.

Per accogliere un bimbo che arriva, si prepara una coperta che lo riscaldi e lo protegga, che possa tenere con sé per tutta la sua vita e magari possa lasciare a sua volta ai propri figli. Per fare questa coperta, si devono ricevere da cento tra amici e parenti cento riquadri di stoffa, di 25x25 cm. Ogni riquadro deve essere accompagnato da un pezzetto di stoffa più piccolo, allegato ad un biglietto di auguri per il nuovo arrivato, così che si conoscano i mittenti dei vari pezzi di stoffa ed i loro pensieri affettuosi. In questo modo quando il bimbo arriva a casa (in qualunque modo sia arrivato) è già circondato di buoni sentimenti, avvolto nella copertina fatta grazie all’amore di tante persone.
Certo, ci fosse ancora la mia cara zia Silvana, sicuramente la mia copertina dell'amore me l'avrebbe cucita lei con le sue mani sante...In un modo o nell'altro, accettando consigli dal cielo, le stoffine invece le cucirò io.
Per cui bando alle ciance! Aspetto con ansia le vostre stoffine, contattatemi in privato per i dettagli e non dimenticate di segnalare il link del vostro sito o del vostro blog in modo che tutti possano conoscervi quando pubblicherò le foto dei vostri riquadri!

8 commenti:

  1. Che bella idea! Non la conoscevo! Vorrei tanto partecipare.
    Riguardo ai consigli su come schermarsi dalla "mala onda" degli altri, behh... Continua a fare quello che fai pensando che hai gente migliore con chi stare.
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Debora se vuoi partecipare mandami una mail e ti invierò il mio indirizzo per la spedizione! :)
      Grazie!!!

      Elimina
  2. Siii bellissima idea Ale. Ti sento carica di energia positiva. Non ho mandato le stoffine a Nina e Emme, ma tanti pensieri dolci. Proteggono anche quelli, no?
    Baci
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. carissima i pensieri dolci sono sempre più che ben accetti! Grazie! baci

      Elimina
  3. secondo me con questi pensieri positivi stai attirando tutto ciò che ti serve per realizzare in fretta il tuo sogno. vedrai!

    RispondiElimina
  4. E' delizioso!!! Adoro lo stitchery perchè lo trovo molto molto rilassante, peccato che non trovo mai il tempo per poternici dedicare un po'!

    RispondiElimina

 

Welcome

La mia foto
Prendi una donna mediamente nostalgica, uniscila ad un uomo esuberante, condisci con un gatto viziato, mescola tutto in un paesello della provincia del torinese, Volpiano, ecco creato il “Clan delle Volpi”… La donna nostalgica sono io, Alessandra, e questo è il mio blog personale, dove prendo ispirazione, motivazione e dove condivido i miei esperimenti creativi. Sono felice di conoscerti e della tua visita e se mi lascerai un commento mi farai contenta!

Translate

Popular Posts

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. I contenuti dei post sono il frutto della libera manifestazione del mio pensiero, mentre quanto scritto nei commenti è di responsabilità dei rispettivi autori. Le fotografie e le immagini pubblicate sono di proprietà dell'autore o tratte da internet e valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse i diritti d’autore, si prega di contattarmi affinché provveda a rimuoverle.

Visualizzazioni totali